Amman e il suo cibo di strada

Amman vista dall’alto – ©SarahScaparone

di Sarah Scaparone

Amman è la città dalle mille colline: ecco perché il posto migliore per iniziare una visita di questo luogo è sicuramente la sua Cittadella. Vedere la capitale della Giordania dall’alto di Jebel al-Qala’a con un panorama a 360 gradi che ruota su tutta la città è un’emozione. Qui, dove imperdibile è il tramonto, la Cittadella domina dall’alto quella che è conosciuta come la città bianca per il colore delle pietre calcaree, provenienti dal sud e dal nord est del paese, con cui sono costruite tutte le abitazioni. Per questo Amman ha una luce particolare, a qualsiasi ora del giorno e della notte.

La Cittadella di Amman – ©SarahScaparone

Capitale della Giordania dal 1921, la città è suddivisa in tre zone: i quartieri vecchi, quelli moderni e quelli residenziali. E se dall’alto delle colline si respira una pace inusuale e una serenità sorprendente,  nel cuore di downtown è tutto diverso. Macchine, souq, gente in continuo movimento, negozi, ambulanti per strada, polvere, il suono della moschea di King Hussein che richiama i fedeli alla preghiera. Qui caos e frenesia regnano sovrani, e qui tra queste vie si respira un’aria del tutto differente: quella del commercio, del cibo di strada, di un popolo che vuole raccontare, farsi conoscere, emergere come la sua città. Tra il souq Bukharia dedicato ai souvenir di ogni genere e il Gold souq dedicato alla gioielleria, potrete imbattervi in numerosi chioschi che propongono dissetanti bicchieri di succo di canna da zucchero preparato sul momento, mentre per immergersi nella tradizione alimentare locale una tappa è d’obbligo al vicino souq Al-Sukar alla scoperta della frutta e della verdura locale, ma anche delle spezie e dei principali piatti giordani. Tra questi merita assaggiare il Mansaf, specialità beduina a base di pollo o montone servito con riso e yogurt, l’Hummus preparato con ceci e crema di sesamo, lo Shawarma (panino di carne di pollo o agnello cotta su uno spiedo girevole) e i mitici Falafel, crocchette di ceci e spezie fritte servite anche all’interno del tipico pane non lievitato, lo khobz. E se tra i dolci è d’obbligo assaggiare i baklava a base di pasta fillo guarnita di miele, sciroppo o acqua di rose, imperdibile è l’assaggio della Kunafa dolce: formaggio di feta ricoperto di semolino e pistacchio con zucchero, acqua, miele e spezie.

Succo di canna da zucchero – ©SarahScaparone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...